Il CNR, l’Istituto sull’Inquinamento Atmosferico e la comunicazione ai giorni nostri


Il Consiglio Nazionale delle Ricerche, primo ente di ricerca in Italia con 93 anni di storia (nasce infatti nel 1923), si è sempre distinto per la realizzazione, l’utilizzo e la sperimentazione di nuove tecnologie. D’altronde la mission dell’Ente è quella di promuovere l’innovazione e fornire nuove tecnologie e soluzioni ai bisogni emergenti del paese.

In un momento (ed un mondo) in cui ormai i social la fanno da padrone, e la comunicazione non va più in senso univoco, interazione e coinvolgimento degli utenti sono fondamentali. Il CNR lo sa bene, ed anche l’Istituto sull’Inquinamento Atmosferico (IIA), “committente” e co-ideatore di Terrastramba. All’avanguardia su tecnologia ed innovazione, da qualche anno l’Istituto ha puntato sulla condivisione e fruizione dei dati raccolti durante campagne e progetti, per dare la possibilità anche a chi non è del settore di farsi un’idea di ciò che avviene all’interno del mondo scientifico e della ricerca, come ad esempio mappe interattive con la rappresentazione grafica e spaziale di campagne di monitoraggio della qualità dell’aria.

L’IIA si è reso conto di quanto sia importante diversificare le modalità di comunicazione per aumentare l’audience, possibilmente coinvolgendola nelle attività dell’Istituto. A questo proposito da poco è stato realizzato un restyling del sito web, e si è inizato un percorso sui social media con un account twitter (@iiacnr).